martedì 10 aprile 2012

Sakura, i ciliegi senza ciliegie.


Baccorobby m'ha esortato a svegliarmi dal letargo e far vedere i famosi ciliegi.
Cosi' oggi mi sono accorto che la massima dice 21 gradi.
Ma giovedi' scorso c'e' stata una bufera che ha spazzato via tutta la pacciamatura che avevo pazientemente sistemato sull'orto. Grazie al bosco che e' sempre generoso di foglie secche in tutte le stagioni.


Tornando ai sakura. Ho un rapporto controverso con questa pianta che e' stata a suo malgrado prescelta come simbolo del Giappone moderno.
Tanto da finire sulla moneta per eccellenza: 100YEN






Innanzitutto contesto la forzatura di indicarli e disegnarli col colore rosa. I sakura piu' diffusi sono i Prunus yedoensis ed i Prunus speciosa che sono chiaramente bianchi.
Ci sono delle varieta' rosa, ma i fiori di ciliegio piu' comuni sono bianchi! I petali hanno una minima sfumatura rosa all'attaccatura, ma il 90% e' bianco.
La forzatura e' dovuta al fatto (ne sono convinto, ma e' solo una mia supposizione) che anticamente erano gli alberi di Ume (梅) ovvero i pruni giapponesi, ad essere ammirati in quanto bellissimi fiori rosa (quelli si! nella variante piu' amata, ovvero la Kōbai 紅梅).


I sakura erano usati dai contadini (veri zappatori) per vedere come sarebbe andata la stagione, controllando le tempistiche di fioritura si poteva capire come e quando seminare il riso. Questa era una ennesima occasione per ubriacarsi di sake', con la giustificazione che era "in nome degli Dei!".


L'Imperatore Saga (classe 786 - uno stravagante che addirittura ebbe la folle idea di bere te'!!! ...si dice sia stato il primo in tutto il Giappone) ebbe una pensata quasi bolscevica. Ovvero andare egli stesso a bere sake' sotto i ciliegi!
I contadini l'avevano fatto per secoli e nessuno se li filava.
Lo fece l'Imperatore e qualcosa cambio' nella storia.
Iniziarono a farci poemi, dipinti, i samurai ed i nobili iniziarono ad imitarne il gesto e cosi' via.


Nacque quello che oggi e' definito Hanami (花見) che significa ne' piu' ne' menco che "guardare i fiori". Ma che oggi, come allora, e' interpretato come "ubriachiamoci!", stavolta non in nome degli Dei, ma in nome del fatto che "lavoro dalle 9 alle 22 e diamine il weekend faccio quello che diavolo voglio!".


Ecco un altro motivo che non mi fa amare poi cosi' profondamente i sakura. E' l'esagerazione di qualcuno che si sente il diritto di urlare piu' degli altri, bere e vomitare o addirittura denudarsi (anche davanti o con bambini!) solo perche' e' hanami.


Pensandoci meglio non e' colpa di queste bellissime piante selezionate per il gusto estetico dell'uomo.


Io stesso amo fare hanami (senza ubriacarmi fino a farmi odiare dal vicino che vuole godersi un pic nic con la famiglia).
Quindi brindo a questi splendidi alberi, dalla corteccia nera e rugosa, che ci donano uno spettacolo breve ma splendido. Un candido e placido carnevale che riempie di coriandoli il nostro passaggio ad ogni folata di vento primaverile.


Ma ho scritto anche troppo.


Ecco un dipinto del 1894 dal titolo "千代田大奥 御花見" ovvero Ōoku di Chiyoda all'Hanami (Ōoku era una sorta di harem fatto di mogli e concubine di grossi feudatari).








Ecco qualche foto di sakura in un parco al centro di Tokyo.





12 commenti:

  1. forte. Bellissimo post, ricco di informazioni inedite.
    Antimo

    RispondiElimina
  2. Ciao Zappatore! ^_^
    Mi hanno sempre affascinato questi fiori,
    ma ero convinta fossero rosa...forse perchè sono rappresentati spesso così, anche nei dipinti..
    Grazie per aver raccontato tutta la storia ;)
    Ti invidio molto, vorrei fare Hanami anch'io !

    Saluti dall'Italia ...
    Mariù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariuccia!
      E' la parte piu' interna, dove i petali si attaccano al pistillo (si chiama cosi'?!?) che e' rosa. (ovviamente parlo sempre delle varieta' piu' diffuse nei parchi. perche' ci sono anche varieta' nettamente rosa).
      Sembrano piu' rosa, ed e' innegabile, quando i boccioli si stanno ingrossando (poso prima di sbocciare) ed anche quando molti petali sono caduti. Infatti adesso che il 60~70% dei petali e' caduto, l'impatto visivo e' piu' rosa.

      Ma in Italia c'e' la pasquetta che e' praticamente un hanami! Mi ricordo le meravigliose tavolate in campagna giocando a pallone e rimpinzandoci di pasta al forno e salsicce alla brace! Che meraviglia!

      Elimina
  3. eccellente post , grazie

    baccorobby

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie a te! M'hai giustamente spronato!
      Sempre riconoscente.

      Elimina
  4. Grazie delle informazioni che ci hai dato! Comunque bianchi o rosa fa lo stesso: li adoro!
    A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, ed alla fin fine hai ragione te, sono bellissimi di qualunque colore.

      Elimina
  5. Ciao,
    bellissimi i ciliegi da fiore.
    Io ci ho dedicato un post sul mio blog.
    Quelli del mio albero sono rosa più intenso appena sbocciati poi si schiariscono con il passare dei giorni e diventano chiarissimi.
    In bocca al lupo per il tuo orto.
    Ilaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilaria.
      Ho visto il tuo post, bellissimo sakura!!!
      Ti ho scritto alcuni link che magari ti interessano per capire che specie e'... sempre che io ci abbia azzeccato!!!...e non ne sono affatto sicuro! (^_^)
      Crepi il lupo!

      Elimina
  6. Splendide foto! :)
    Anche tu usi l'Iphone e Instagram?
    Adoro i ciliegi yoshino. Quest'anno anch'io sono riuscita a fare hanami, e mi sa che siamo andati nello stesso parco... è Ueno, giusto?
    Ciao!

    RispondiElimina
  7. Per queste foto prese all'improvviso ho usato ipad + instagram. Ma di solito faccio fotocamera + photoshop.
    Le foto le ho fatte a degli ciliegi lungo un canalone a Bunkyo-ku.
    ciao (^_^)

    RispondiElimina